Ufficio Ragioneria

Area Contabile Responsabile: Albertini Grazia Referenti: Foglio Letizia Telefono: 0365 81241-2 Fax: 0365 820510 ragioneria@comune.vestone.bs.it
Orari di apertura al pubblico
lunedì 9:30 - 13:00 e dalle ore 16:00 alle ore 18:00
martedì 9:30 - 13:00
mercoledì 16:00 - 18:00
giovedì 9:30 - 13:00
venerdì 9:30 - 13:00
Attività e competenze L’ufficio Ragioneria si occupa del coordinamento e della gestione dell’attività finanziaria e contabile del Comune. Le fasi principali di tale attività possono essere sintetizzate come segue:

  • attività di programmazione e previsione;
  • attività di gestione del bilancio;
  • attività di rendicontazione.

La fase di programmazione e previsione consiste nella formulazione, in collabo-razione con i responsabili dei servizi e con gli organi amministrativi del Comune, dei piani e degli obiettivi che devono indirizzare l’attività dell’Ente nell’arco temporale di riferimento; essa si conclude con la definizione del bilancio annuale di previsione. Nel bilancio annuale di previsione sono indicati gli stanziamenti delle entrate che si prevede di realizzare nel corso dell’anno e delle spese necessarie per lo svolgimento delle diverse attività del Comune. La gestione del bilancio si attua attraverso la riscossione delle entrate e il pagamento delle spese, indicati nel bilancio di previsione. Le Entrate sono così suddivise:

  • tributarie: ICI, pubblicità, addizionali e compartecipazioni all’Irpef, tassa rifiuti, ecc.;
  • trasferimenti da terzi: contributi dallo Stato, dalla Regione, ecc.;
  • extra-tributarie: acquedotto, fognatura, diritti segreteria, servizi a pagamento (grest, cimiteri, mensa, assistenza domiciliare, asilo nido, ecc.), affitti, sanzioni amministrative, interessi attivi, ecc.;

esse sono definite “ENTRATE CORRENTI”, per distinguerle dalle Entrate: in conto capitale (costituite per esempio da: alienazioni di beni, contributi da Stato, Regione e Provincia, oneri di urbanizzazione e sanzioni urbanistiche): sono destinate ad interventi di investimento in opere pubbliche; accensione di prestiti: anticipazioni di cassa del Tesoriere, assunzione di mutui, emissione di obbligazioni comunali; da terzi per servizi resi per loro conto (definite anche partite di giro): entrate per trattenute previdenziali e fiscali ai dipendenti da riversare agli enti previdenziali ed allo Stato, erogazioni dello Stato per le spese elettorali, ecc. Le Spese (o Uscite) del Comune si dividono in: correnti: comprendono le normali spese di gestione, quali: stipendi, affitti a terzi, manutenzioni ordinarie, riscaldamento, spese per il funzionamento di uffici, servizi di trasporto, servizi sociali, interessi passivi, ecc.; in conto capitale: sono costituite da investimenti in beni destinati ad una utilizzazione pluriennale. Sono finanziate dalle specifiche entrate non correnti. In questa voce si annoverano: strade, edifici scolastici, asilo nido, automezzi, macchine operatrici, elaboratori elettronici, illuminazione pubblica, acquedotto, fognatura, ecc., oltre a manutenzioni straordinarie sugli stessi beni. rimborso di prestiti: accolgono le quote di capitale per rimborso di mutui od obbligazioni; servizi resi per conto di terzi: non costituiscono una vera spesa per il Comune in quanto trovano copertura con le specifiche entrate sopra citate. Le voci di spesa sono omologhe a quelle di entrata. Sotto il profilo operativo, la Ragioneria effettua le rilevazioni contabili di impe-gno/accertamento, liquidazione, pagamento, riscossione, e gestisce il rapporto con la Tesoreria. La riscossione delle somme connesse ai servizi forniti dal Comune, avvengono mediante emissione di ordini di incasso al Tesoriere, denominati “reversali”. Per taluni servizi (quali l’utilizzo delle sale comunali, la locazione della pesa pubblica e del centro sportivo, interventi in economia e con autospazzatrice e pale meccaniche effettuati dal personale comunale a favore di privati) sono emesse fatture direttamente dall’ufficio Ragioneria. Il pagamento delle spese avviene con emissione di ordine di pagamento “mandato” al Tesoriere del Comune ed invio al creditore di un avviso informativo. La terza fase è costituita dalla rendicontazione che è la dimostrazione dei risultati della gestione, la quale avviene mediante la redazione del conto del bilancio, del conto economico e del conto del patrimonio. L’ufficio Ragioneria provvede, inoltre, alla tenuta delle scritture di contabilità fiscale necessarie per la liquidazione dell’I.V.A., e per il versamento delle ritenute d’acconto all’I.R.P.E.F.. Operazioni che si concludono con la redazione delle relative denunce fiscali annuali. L’Ufficio applica il contratto collettivo di lavoro del personale dipendente e gesti-sce il calcolo e la corresponsione delle relative retribuzioni e si occupa della gestione dei servizi generali quali: Servizio mensa per il personale dipendente.